Sulle pendici del Monte Sumbra, una mattina nebbiosa e umida di metà estate, abbiamo avuto la possibilità di fotografare una bellissima farfalla, scientificamente chiamata Adonis Blue (non conosciamo le farfalle, ma abbiamo trovato il suo nome dopo qualche ricerca), che infreddolita, riusciva a malapena a volare per brevi tratti da un fiore all’altro, in mezzo all’erba alta.

Oltre alla meraviglia, beh, ci ha fatto un po’ riflettere. Quel celeste travolgente, le tante macchioline nere che formano quei magnifici disegni sulle sue ali…

Come possono provenire dallo stesso mondo di cui così spesso ci lamentiamo? O forse, siamo semplicemente così “accecati dalla routine“, che non riusciamo a renderci conto della bellezza che abbiamo intorno a noi, tanto da meravigliarcene quando ne veniamo a contatto?

E voi, cosa ne pensate?

Per vedere le risposte degli altri blogger, cliccate qui: Out of this world.

Seguici anche sui maggiori social network!

FB icon  TW icon  IG icon  YT icon  Flickr icon